L’impetuosità dell’Onda

Spiaggie lontane nei lembi dell’azzurro vischio del cielo,
ed ardenti pensieri spingevano cavalieri di ventura riverso le sue placide soglie,
chi aveva il calore di una turca anziana paura arrivava da dietro attendendo che il loro affanno li facesse spirare sorridendo.
 
Davanti a loro la paura si stagliava in ogni singola goccia fredda continentale mandata li dai tumultuosi venti di Ponente,
e s’abbassava e alzava come un sinistro animale si diramava ovunque il possibile sguardo potesse lustrare, il cielo era chiaro e scuro e fortissimi lampi spezzavano il cielo come tantissime valchirie, e poi arrivo l’onda.

Informazioni su darthpladis

Sono un ragazzo che ama l'arte in tutte le sue forme, dal teatro al cinema, dalla musica alla natura, dalle labbra di una ragazza alla pietà di michelangelo. Amo scrivere romanzi storie poesie favole e canzoni, viaggiare, e conoscere sempre cose nuove.
Questa voce è stata pubblicata in Creazioni di Pladis. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...