La Bestia-

Non vedo vie di fuga,
sono io contro la bestia,
e so che non posso ucciderla,
perché lei vive dentro di me.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Cristiana-

Cristiana,
Nella notte dei fantasmi ti ho trovata per strada,
Gonfio di champagne con gli occhi dipinti di nero,
T’ho sfidata per gioco e tu mi hai seguito,
Come fa con l’aquilone ogni dolce bambino,

E abbiamo bevuto d’ambrosia ogni secondo,
T’ho invitato a danzare fra le rovine del mondo,
E ho incontrato le tue labbra come la luna incontra il giorno,
Ed ho capito che eri mia o lo eri sempre stata infondo,

Cristiana,
Nella notte delle notti siamo stati uno insieme,
Fra le maschere e le danze fra il male ed il bene,
Nel silenzio mentre Tenco canta Averti fra le braccia,
E svanisci nel vento come il tempo nella sabbia.

Pubblicato in Creazioni di Pladis | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Prisma e l’Avventura dentro il Quadro – Capitolo 28 – Dove il Buio Respira

“Devi essere più forte dell’onda Francesco, vai a toccare la seconda boa, la paura è per i deboli, e tu non sei un debole vero?”

Il piccolo Francesco guardava le onde del mare adriatico infrangersi sulla costa, zuppo come un pulcino dalla testa ai piedi, suo padre di fianco a lui era immobile e scuro con lo sguardo fisso verso l’obiettivo:

“Ma papà piove tantissimo e il mare e scuro..”

Alla risposta del figlio, il padre lo prese per le braccia e lo lanciò in mezzo ai flussi:

“Devi essere più forte della paura, devi imparare a nuotare con i lampi e la pioggia, così nessuno potrà mai fermarti, ora va, e ricorda se torni verso la riva ti ritiro indietro, quindi vai e tocca la seconda boa! Solo allora potrai tornare a riva e mangiare!”

Francesco aveva 4 anni, ma prese coraggio e dopo svariate punture di meduse, arrivò alla seconda boa, ma il mare diventó ancora più mosso, perse di vista suo padre, e cercando di tornare indietro una onda lo porto giù…

Giù

Dove il buio respira.


Prisma osservava le onde del mare di acrilico infrangersi contro il vascello di nuvola, mentre Dino mangiava un pesce appena pescato nella sua ciotola di legno:

“Più andiamo verso quell’isola maledetta più i colori vengono meno Dino, e così buio che non sembra lo stesso quadro che abbiamo visto sino ad ora..sento come un gelido vento, che mi entra nelle ossa quasi per rubarmi il calore che ho dentro di me.. ho un brutto presentimento”

Dino alzó le orecchie, c’era qualcosa nell’ aria, un canto, un canto terrificante, che faceva diventare il mare nero come il petrolio, erano loro, le sirene oscure,
cinque velocissime creature della notte, che presero a colpire il vascello per fare cadere i nostri eroi nel mare nero.

“Dino ho bisogno del tuo aiuto, crea un cerchio di luce con la tua energia per proteggere la nave, io tenterò di tagliare la gola alla loro regina!”

Di fatti Prisma ricordava che quelle sirene erano state create da suo fratello anni fa, gli diceva che era una favola colorata da lui e inventata in una notte di follia, e che oltre alla particolare pelle blu ed occhi nerissimi, diceva, sempre era presente fra le sirene colei che le governava mentalmente, ovvero la regina, non aveva una corona, ma bensì i capelli rossi vermiglio, le altre li avevano neri.

Così, il nostro piccolo prisma si tuffo con un coltello fra i denti, l’acqua era gelida, gelida come il bacio della bora.

Le sirene si misero in cerchio intorno a lui e lo attaccarono tutte assieme, Prisma legó le quattro servitrici per le loro code, fece un bel fioccone, e sorridendo disse alla regina : “Lasciami passare regina, devo liberare mio fratello dall incantesimo di quella maledetta strega non voglio ucciderti, arrendetevi e avrete salva la vita”

La regina si mise a ridere:

“Nessuno è mai passato oltre il mio sguardo giovane ragazzino, questo sarà il tuo ultimo giorno di vita, prega il tuo Dio se vuoi, perché non rivedrai più la luce”

Prisma si tuffo verso di lei, la regina lo prese di sprovvista e lo porto giù,
dove il buio respira.

I due si guardavano mentre la luce spariva lentamente intorno a lui Prisma ripensò a tutto il suo viaggio fino a quel momento, non poteva finire ora, non in questa maniera, suo fratello era vicino, doveva farcela.

Così tiró fuori il coltello dalla bocca e la sgozzò, guardó il suo corpo lentamente cadere nelle profondità del mare oscuro, ritornó in superficie e riprese il viaggio con Dino.

Intanto sull isola della strega l’imperatore rifletteva davanti a uno specchio parlando fra se e sé: “Prisma é vicino, lo sento, ha superato le sirene, non credevo che sarebbe arrivato fin qui” –

Quand’ecco alle sue spalle apparire la strega Arvena, colei che aveva causato tutto, infuriata e scontenta, mentre si teneva il lungo abito nero che le arrivava quasi ai piedi:

“Lui è qui e tu ti stai guardando allo specchio? Cosa aspetti vai a ucciderlo! Non deve toccare questa terra, potrebbe portarti via da me!”

Francesco annui fra le fiamme:

“Ti porterò la sua testa prima che il sole tramonti o mia regina”

Il leone si inchinò e baciò i lembi del vestito della strega ed uscì dal castello ricolmo di ira e fiamme, pronto ad affrontare la sua ultima grande sfida.

Pubblicato in Prisma e l'Avventura dentro il Quadro | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Alba-

Alba,

cabeza de rizos y sonrisas,

me seguiste allá donde las costas se vuelven doradas,

besando mi alma,

con tanta energía,

Que hiciste llorar de alegría mi corazón,

Alba,

tú que con un beso destruiste todos los puentes del pasado,

me miraste con los ojos llenos de rocío,

me miraste como nadie me miraba,

Alba,

tú que me quitaste el aire de los pulmones,

y me hiciste latir el pecho,

como mil tambores,

desaparecer,

cerrando la puerta detrás de ti,

y dejándome ahí,

con el corazón roto..

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Vuoto-

Vuoto,

Sotto le coperte ci sono tentacoli,

la testa è piena di un orrore senza volto,

sprofondo al centro del letto,

mentre le ombre banchettano con la mia anima,

vengo risucchiato,

giù dove esiste solo,

vuoto.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Palamos-

Palamós,

antiguo puerto de piratas,

a tus labios azules entrego mi alma,

rodeado de medusas y cangrejos,

donde no hay ruidos,

si no el canto de las gaviotas,

Palamós,

antigua ciudad griega,

a tus labios azules entrego mi alma,

mientras el sol se pone en la playa de castell,

y el silencio me abraza,

y tiñe mis ojos de oro.

Pubblicato in Creazioni di Pladis | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Coral –

Coral,

nena rancorosa,

amb el somriure pintat de juliol,

Vas entrar al meu cor sense tocar,

i el va omplir de sol i tempesta,

Coral,

princesa de Girona,

amb el somriure pintat d’agost,

em portes amb tu a les profunditats del mar, com feien les sirenes amb els pirates,

per donar-me un petó,

sota la lluna.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Si cierro los ojos-

Si cierro los ojos,

Puedo oler el aroma de tu cabello,

ahora que el mar se pone naranja,

y las gaviotas vuelan alrededor de las palmeras,

si cierro los ojos,

Puedo oler el aroma de tu piel,

ahora que el mar se tiñe de rojo,

y la luna sale de detrás de las nubes,

Si cierro los ojos,

Puedo sentir tu corazón latiendo,

ahora que el mar se oscurece,

y las estrellas bailan en las puntas de las olas.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Solo camina el silencio-

Hueles el miedo

los niños no duermen esta noche,

lloran sangre de los edificios en llamas,

mientras cantan las bombas,

sólo camina el silencio.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

The Lost Boys 3 – XVI religion


Tutte le volte che cerco me stesso una via mi perfora nel cranio
Mi sa che una notte di queste divento energia e nel buio scompaio
Mi spiace solo per te, eccezione statistica
Mi parlavi del sempre mentre ti guardavo con gli occhi più freddi di un libro di fisica, scusami
Non ho sangue nei muscoli
Testa gigante per sogni un po’ troppo minuscoli
L’ansia fa parte del gioco, era scritto sfocato a bordo degli opuscoli
Al mondo per essere luci diffuse
E per colpa di questo pensiamo di farla finita
E lasciare alla mamma un biglietto di scuse, grazie di tutto
Sono sempre stato un farabutto
Ho ridato sempre poco per tenere tutto
So morire per davvero, su me stesso curvo
Per salire verso il cielo come granoturco
Siamo tutti fottuti (tutti fottuti)
Tutti sulla stessa barca chiamata dal capo Ragazzi Perduti
Io mi devo arrendere
Soltanto perché per la gente tu vinci soltanto se accetti di perdere
Questi si vendono tutto e lo stesso alla fine non riescono a emergere
Non ci capisco più niente, ma in testa che frulla alla gente?
Più una cosa li annulla più sembra che sia divertente

Nella mente ho stelle esplose
Lontane galassie da visitare
Musica, dammi un’altra dose
Un altro biglietto del Rosen, sai che voglio volare
Fuori dal mondo
E tornare nei boschi di casa a fissare tre lune
Fuori dal mondo
Là dove il cielo si muove col fiume

Nella mente ho stelle esplose
Lontane galassie da visitare
Musica, dammi un’altra dose
Un altro biglietto del Rosen, sai che voglio volare
Fuori dal mondo
E tornare nei boschi di casa a fissare tre lune
Fuori dal mondo
Là dove il cielo si muove col fiume

Ogni volta che mi guardo dentro
Nella retina mi acceco dai flash degli abissi
Quando strangolo lo spazio sta cadendo
E lo riempio del nostro niente da dirsi
Siamo solo degli illusi
È la terza mezzanotte (uno, due, tre)
Ho ancora gli occhi semichiusi
Ho bisogno di una sagoma di fronte

Ripeterò queste parole all’infinito
Sul cammino che trascina verso il prossimo stadio
Camminerò su queste suole tramortito
Da risate degli scheletri che arrivano dall’armadio
Com’è estraneo questo corpo
Guarda il sole com’è spento
Trova il nome di un colore
Per donarlo a questo vento
Noi siamo rapiti, protetti dalle braccia dei cieli
Abiti cuciti lungo i fianchi dell’eternità
Strade perse lungo questi pensieri
Il rumore accanto alle due verità
La religione è il nostro tempio
Potrai dire un giorno: “C’ero anch’io”
E prendere l’esempio
Di un pianeta immobile chiamato Dio
In equilibrio come sempre su due corde tese
Sentire ancora sopra il petto queste fiamme accese
Punti sull’atlante che stanno impazzendo
Sotto le ombre delle nuvole a rilento
Trattenendo il respiro (il respiro)
Siamo sotto tiro (sotto tiro)
Comunichiamo in lettere in onore delle Stelle scritte a mano

Nella mente ho stelle esplose
Lontane galassie da visitare
Musica, dammi un’altra dose
Un altro biglietto del Rosen, sai che voglio volare
Fuori dal mondo
E tornare nei boschi di casa a fissare tre lune
Fuori dal mondo
Là dove il cielo si muove col fiume

Nella mente ho stelle esplose
Lontane galassie da visitare
Musica, dammi un’altra dose
Un altro biglietto del Rosen, sai che voglio volare
Fuori dal mondo
E tornare nei boschi di casa a fissare tre lune
Fuori dal mondo
Là dove il cielo si muove col fiume

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento