Bruno-

Bruno,
sei stato mio padre per poco,
forse mai,
eri piu un amico,
un compagno di viaggio,
che mi insegnava come combattere la vita,
senza averne paura.

Duro come il maestro di Phoenix,
risoluto e forte dei tuoi ideali,
mi gettavi nei flussi dell’Adriatico,
quando c’era tempesta,
ed io appresi a nuotare fra i lampi,

Mi mettevi sempre alla prova,
per farmi crescere, per farmi diventare uomo,
ed io ho sempre accettato le tue sfide,
perché le trovavo divertenti e stimolanti,
e non volevo apparire debole ai tuoi occhi,

Il tempo ci ha cambiato,
ci ha fatto diventare nemici un pò per la scuola,
e i miei problemi con la legge,
un pò perchè come diceva tua sorella Francesca,
siamo uguali,
anche se non l’ho mai voluto accettare,

Mi hai fatto conoscere il Cinema,
Scorsese, Tarantino, Coppola, Leone,
mi raccontavi le storie Western come se le avessi vissute tu,
e in quei rari momenti riuscivo a esserti accanto,
perché amavo l’arte come l’amavi tu,

Negli ultimi anni hai distrutto la mia famiglia,
hai lasciato mia madre da sola,
ed io ho sentito ogni sua lacrima,
e ogni suo lamento,
entrarmi dentro come un coltello,
ho provato il piu grande dei dolori,
essere solo senza famiglia con un fratellino da crescere,
senza aiuti,
senza pietà,
mi guardavi dall’alto del tuo trono d’oro,
in attesa di vedermi strisciare per vivere,
ma cosi non è stato,
mi son ripreso tutto,
sputando sangue e sudore,
ma ho perso te,

Il piu grande dei miei rivali,
mio padre.

E stato come se Joker perdesse Batman senza scontrarsi con lui,
ed anche se provavo tanto odio nei tuoi confronti,
non avrei mai voluto che finisse in questa maniera,
avrei voluto mettermi sul tavolo,
versarmi una buona birra rossa,
e discutere,
come facevamo quando parlavamo di poltica,
per un ultima volta,
per dare alla nostra storia un degno finale,
cosi come meritavi,
faccia a faccia,
come in quelle storie di Leone,
dove Lee Van Cleef sfidava Gian Maria Volontè,
ascoltando le note di un carillon antico,
fino all’ultima nota rimasta,
fino al tramonto delle nostre ombre,

A testa alta,
come Marco Aurelio,
con orgoglio,
senza arrendersi
come mi hai sempre insegnato.

Informazioni su darthpladis

Sono un ragazzo che ama l'arte in tutte le sue forme, dal teatro al cinema, dalla musica alla natura, dalle labbra di una ragazza alla pietà di michelangelo. Amo scrivere romanzi storie poesie favole e canzoni, viaggiare, e conoscere sempre cose nuove.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...