La Rosa di Cristallo

Ero solo nel centro del ciclone,
avevo lasciato fuori da esso ogni desiderio,
e abbandonato la mia identità al vento,
poiche avevo scelto di non fermarmi più per niente  e nessuno.

Decisi di ricercare altrove quella pace,
che tanto il mio cuore agognava,
lontano dagli esseri umani,
che sempre più diventavano schiavi dei loro vizi,
e sceglievano di spontanea volontà i propri limiti,
uccidendosi lentamente a vicenda..
per non annoiarsi della vita da loro scelta..

Molte sirene streghe e chiromanti avevano cercato di ingannarmi,
di sedurmi con ogni nera magia possibile,
per costringermi a essere qualcosa che non ero mai stato,
gelose del mio spirito così puro e vero,
per impedirmi di avere altre amanti..
m’avevano maledetto..
e trasformato in un orribile demone..

Cosi che nel tempo abituandomi all’aspetto che lo specchio rifletteva,
m’abituai a tal punto dal dimenticarmi di essere un uomo,
cominciai a vivere cibandomi della paura delle persone,
provando addirittura gusto
nell’osservare quel dolore impresso nei visi delle mie vittime,
un attimo prima di tagliargli la gola..

Ero solo,
e le notti diventarono infinite, quasi interminabili,
la Luna mi accompagnava, lei e il rumore delle foglie degli alberi,
che appassivano al mio passaggio,
non sapevo nemmeno chi ero..
ormai avevo perso tutto di quel mio vecchio io,
e nascosto nei boschi dell’essere,
imparai a parlare con le ombre che giravano nella mia testa..
Fino a riconoscerle tutte una per una,
mi abituai alla follia..

E la follia si abituò a vivere dentro di me..

Ero solo nell’occhio del ciclone,
ma dall’esterno una voce mi chiamava,
una mano rompeva i confini dal tempo sigillati attorno a me,
qualcosa che non avevo previsto stava accadendo..

un soffio di polvere d’oro circondava il mio cuore appassito..
e dalla cenere
dal relitto
o quel poco che ne era rimasto,
sbocciò una rosa di cristallo..

Grazie.

Informazioni su darthpladis

Sono un ragazzo che ama l'arte in tutte le sue forme, dal teatro al cinema, dalla musica alla natura, dalle labbra di una ragazza alla pietà di michelangelo. Amo scrivere romanzi storie poesie favole e canzoni, viaggiare, e conoscere sempre cose nuove.
Questa voce è stata pubblicata in Creazioni di Pladis e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...