Amsterdam

Amsterdam,
amante dalle lunghe ciglia,
madre che accoglie al suo seno le mie labbra,
perdermi nei tuoi occhi m’ha donato nuovo vigore,

Amsterdam,
illuminata dai raggi del carro di Apollo,
nella sera risplendi nei canali che abbracciano il mio essere,
donandomi una luce di cui molti ora han dimenticato l’esistenza,

Amsterdam,
racchiudi nelle tue mani lussuria e sapienza,
bendata dall’ego e dalle parole di chi ancora non ha toccato il tuo cuore,
lasci a me libera scelta perché sai che ritornerò,

ritornerò
nel silenzio di una notte fumosa,

ritornerò

per perdermi ancora nelle tue labbra
che molti chiamano vie,
per innamorarmi ancora di te,
che hai accolto la mia anima senza chiedermi nulla in cambio,
e ne hai fatto riemergere l’essenza pura e più vera.

Immagine

Informazioni su darthpladis

Sono un ragazzo che ama l'arte in tutte le sue forme, dal teatro al cinema, dalla musica alla natura, dalle labbra di una ragazza alla pietà di michelangelo. Amo scrivere romanzi storie poesie favole e canzoni, viaggiare, e conoscere sempre cose nuove.
Questa voce è stata pubblicata in Creazioni di Pladis e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Amsterdam

  1. bicok ha detto:

    Io poeta :’)

Rispondi a bicok Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...