Dipinto

Ed eccomi qui un’altra di quelle notti in cui mi avvicino a me stesso,
un passo alla volta, sul promontorio dove le onde del mio mare sbattono contro gli scogli,
e dove la mia fantasia si incontra con i miei ricordi..

E fa prender forma a quei volti che in un passato vicino o lontano erano appoggiati alla mia spalla, mi guardavano con occhi di cielo e con un tocco lieve, improvviso, mi baciavano..
per poi svanire come sabbia fra le mie mani,
Quei momenti, quei sospiri, quei pomeriggi, quelle sere, cosi vive e vere,
hanno lasciato un impronta indelebile nella mia anima, se rimango in silenzio in riva,
sento ancora le risate e le parole d’amore muoversi fra i miei capelli,
un gioco d’ombre fra la luna e le stelle illumina per un secondo i miei passi,
che mi sia perso dopo cosi tanto camminare?

Alcuni marinai mi avevano avvertito che a navigare troppo a largo si rischiava di non ritrovare la rotta in caso di tempesta..non ho mai dato ascolto a loro..

Come ci si può fermare quando si ha di fronte tutto un mondo da scoprire?

Eppure ora che sono qui senza sapere dove,
circondato da questo vuoto, da questo nulla che ogni volta mi ricopre il viso,
sento che non potrei essere in un posto migliore di questo,
ma cosa sto cercando? E perché si trova così lontano?

Ogni volta sembra quasi che il destino si diverta a prendersi gioco di me,
e con una mossa dell’ultimo secondo, tira fuori dal mazzo l’asso di cuori,
e vince..prendendosi un’altra parte del mio cuore..

Di quel poco che ne rimane..

Quando capita, sorrido, c’ho fatto il callo ormai,
respiro e sfoglio altri libri ammiro in silenzio altri astri e costellazioni,
mi inoltro in boschi e sentieri che ancora non avevo visto prima..

Forse non sono fatto per stare fermo semplicemente?

Infondo tutto si muove anche ora mentre leggete queste parole,
i vostri occhi, le vostre mani, i vostri piedi, il vostro cuore,
il mondo che gira attorno al sole la luna che gira intorno al mondo,
questo enorme girotondo ci tiene uniti tutti per mano,
e non finirà mai..

Ne accendo un’altra, le onde si infrangono,
una tua carezza,
si lo so, non sei vera, non sei qui,
e forse dovrei scriverti, dirti quello che ho provato in quei pochi ma lunghi istanti,
ma il tuo nome l’ho cancellato mesi fa,
o forse non sei mai realmente esistita?

Eri cosi bella che potevi vivere solo nei miei sogni,
perché ora solo li trovo quiete e pace,
li non esistono limiti a quello che possiamo essere o fare assieme,
non esistono quelle parole a dividerci,
esiste solo quel bacio,
dipinto immortale in una tela che non sarà mai completa.

Grazie

F

Informazioni su darthpladis

Sono un ragazzo che ama l'arte in tutte le sue forme, dal teatro al cinema, dalla musica alla natura, dalle labbra di una ragazza alla pietà di michelangelo. Amo scrivere romanzi storie poesie favole e canzoni, viaggiare, e conoscere sempre cose nuove.
Questa voce è stata pubblicata in Creazioni di Pladis e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...