Apollo

Indietro,
guarda,
solo un secondo,
girati,
e tutto bianco.

E tutto bianco, come la pelliccia d’un orso polare,
 e in lontananza il mare suona la notte, e delle scintille, le stelle.

Indietro, dove la  memoria é rimasta seduta,
la dove il ghiaccio costruisce il ricordo
in una barca di vele color porpora,
con le gambe stese e lo sguardo perso nel guardarsi nei suoi stessi occhi,
con le gambe stese,
e quel sapore di sale sulla pelle fresca che scivola fra gli aquiloni e le parole di una canzone dimenticata.

E tutto bianco,
come la fantasia di un bambino, bianco,
e ora,
Apollo splende dentro di me.

Informazioni su darthpladis

Sono un ragazzo che ama l'arte in tutte le sue forme, dal teatro al cinema, dalla musica alla natura, dalle labbra di una ragazza alla pietà di michelangelo. Amo scrivere romanzi storie poesie favole e canzoni, viaggiare, e conoscere sempre cose nuove.
Questa voce è stata pubblicata in Creazioni di Pladis. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...