Estate?

Sembra essersi calata bene quest’anno,
 
l’Estate,
 
il periodo più lungo dell’anno, quello dove ci si perde, quello a cui si ripensa durante i mesi bui dell’Autunno inoltrato,
anche quest’anno arriva portando con se pioggia e pensieri, e chi l’avrebbe detto che avrei ricominciato a scrivere in modo comprensibile senza allegorie?
 
Le giornate passano davanti agli occhi, come tante biciclette, come tanti passanti, e si rimane fermi li, immobili, a guardare il Sole,
ma quanto e bello il Sole d’Estate?
 
Non l’avevo mai notato, quando si stira forte, si lancia fra le persone, tocca la pelle, la scotta, fa bollire la testa, oppure attraverso i meandri di una maschera per andare sott’acqua, lo vedi fioco, allunghi la mano per toccarlo e sembra, quando chiudi la mano, per quasi un piccolissimo istante,
 
che tu,
 
si proprio tu,
 
sia il padrone del mondo.
 
 
Proviamo a tirarci su durante questa stagione, e un periodo in cui si fanno, o almeno, si provano a fare tutte le cose che non si possono fare d’inverno,
tipo legare due gatti per le loro code e dargli fuoco, o guardare dei film di Sergio Leone o di Vittorio de Sica,
anche solo passeggiare sul mare mentre il sole, per l’ultima volta ti bacia,
 
e un momento che si ricorda sempre.
 
 
Non so, e non credo che quest’estate sia uguale alle altre, ma nessuna lo e stata, come dice Vasco in Angeli, non le rivedrò piu quest’estati qui, e quindi cerco di fotografare secondo dopo secondo, abbassando le palpebre, per capire che ci sono, si, esisto, ci sono ancora, sto respirando, sono vivo, forse, o forse no, però alla fine se le persone mi salutano, se l’erba, se l’aria si sposta per farmi passare,
 
allora e vero.
 
E vero per davvero?
O sto solo girando in tondo?
 
Magari un giorno mi sveglio, e ogni cosa e scomparsa, l’immagine, il piu grande limite dell’uomo,
 
l’immagine,
 
 
allora anche quest’estate e solo un’immagine?
 
Ma le immagini si possono solo vedere, l’Estate la vivi, la tocchi, la respiri, perché ora sto pensando a ora, e ora è un periodo che contiene minuti e secondi della stagione che si chiama Estate, qunidi esiste, ma se esiste il nome, ma non possiamo toccarla, allora vuol dire che c’e anche se non c’e?
 
 
Mi sono di nuovo perso.
 
 
 
 
Peccato.
 
 
 
 
Lord Pladis

Informazioni su darthpladis

Sono un ragazzo che ama l'arte in tutte le sue forme, dal teatro al cinema, dalla musica alla natura, dalle labbra di una ragazza alla pietà di michelangelo. Amo scrivere romanzi storie poesie favole e canzoni, viaggiare, e conoscere sempre cose nuove.
Questa voce è stata pubblicata in Creazioni di Pladis. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...